Pensieri di mezza estate

now browsing by tag

 
 

A volte ritorno

Ed invece non è successo più nulla. Niente elezioni anticipate e nessun post sul blog dallo scorso dicembre. È un record. Negativo.

Inutile dire sempre le stesse cose: non ho avuto tempo, ho avuto altro da fare, non ho trovato la giusta ispirazione, e cose simili. Il fatto è che il lavoro mi ha travolto come mai prima. Il che è ovviamente positivo, ma sino ad un certo punto.

Quante cose avrei voluto scrivere in questi mesi! Quante cose sono successe e quante altre mi sono passate per la testa. Produco tanto, penso il doppio, mi riposo la metà. Ed è diventato pressoché impossibile aprire questa vecchia pagina, darle un po’ di linfa vitale, farle coraggio e dirle: “vedi, non ti ho dimenticato!”.

Nel mentre continuo a ricevere parecchie visite, vari messaggi privati e vengo pure citato nei libri – a proposito, ringrazio Marco Mengoli per avermi citato nel suo “C’e chi va & c’è chi resta“.

Il resto non è noia, ma nemmeno gioia assoluta (ammettendo che esista). Una nostalgia sempre più pungente per la Sardegna, per il fruscio degli eucaliptus in riva al mare, per i rumori delle notti cagliaritane. Questo è il tema ricorrente di questi giorni. Dovrò aspettare sino a settembre per ribaciare la mia petrosa Itaca. Resisterò?

Pensieri di mezza estate

In queste notti di luce mi piace stare qualche attimo in silenzio, sentire come il vento trascina i profumi e li confonde, ascoltare le voci in lontananza, le risate, i televisori che borbottano da qualche finestra aperta. L’estate scivola così da queste parti: il mio mare è lontano ma ci penso poco, in questi momenti riesco bene a fingere di non sentirne la mancanza.

Estate a Stoccolma

Estate a Stoccolma

Pensieri di mezza estate

Questa estate sta volando senza quasi lasciar traccia: il che, se da un lato è cosa buona perché ci sono pochi momenti vuoti, dall’altro è cosa pessima per la stessa identica ragione. Mi divido tra lavoro e lavori a casa, qualche uscita e qualche passeggiata, e tanta tanta stanchezza. Stanchezza esarcerbata da una recente 24 ore di lavoro a Göteborg: intensa, ma alla fine anche divertente.

La mia testa, comunque, è già proiettata alle vacanze di settembre: il dilemma riguarda ancora la destinazione (sud della Spagna o sud del Portogallo? Si accettano consigli…), benché un salto in Sardegna non me lo toglie nessuno.