Tag: Pensieri di agosto

Pensieri di agosto

E quando finiscono i kraftör e si beve l’ultimo snaps, comincia ufficialmente l’autunno. Almeno per me. Avrò tante cose da fare, alcune da sistemare, altre da pensare. Non sono certo la buona volontà e l’entusiasmo che mi mancano, forse il tempo materiale, quello sì. Ma all’orizzonte non vedo soluzioni reali a questo problema. Ecco, sì, potrei dormire di meno. Ma dormo già abbastanza poco. Forse potrei fare di meno? No, non ci riuscirei. Pensare di meno? Buona idea, ma non la metterò in pratica, lo so già. Vedremo.

Avrò quindi cose da fare, sistemare e pensare. Ma prima ho bisogno di staccare. Tre settimane tra Francia, Spagna e Sardegna sono già belle che prenotate. C’è solo da aspettare ancora una ventina di giorni…

Che cosa sono i kräftor? Ne ho parlato qui.

In attesa dell’inverno

Questa estate è stata positiva da tanti punti di vista: il viaggio in Italia lo scorso giugno, il lavoro che mi ha dato grandi soddisfazioni (soprattutto umane), la lettura di alcuni libri che mi hanno aperto nuovi orizzonti, il mio piccolo orto coltivato nel balcone, le giornate splendide che da tanto non si vedevano a queste latitudini. Chiaramente ho qualche piccolo rammarico: avrei dovuto godere di più del tempo libero, fare più movimento, forse uscire di più, staccare più spesso la testa dalla quotidianità. Ma va bene lo stesso.

Ora, che le betulle ricominciano a tingersi di giallo, le giornate a farsi più corte e più fresche, avrei voglia che l’autunno fermasse la sua corsa, aspettasse ancora qualche momento prima di invadere di foglie la città. Basterebbe davvero un po’ di estate in più per ricaricare in modo completo le batterie. In attesa dell’inverno.

Aspettando settembre

Il mese di settembre è, come sempre, tempo di progetti e bilanci. È un po’ un capodanno, un nuovo inizio. Sarà colpa dei troppi anni passati dietro i banchi di scuola?

Read More

Loading...
X