Inverno in Svezia

now browsing by tag

 
 

Nevica, nevica

L'inverno è qui!

L’inverno è qui!

Ed ecco la prima seria nevicata dell’anno qui a Stoccolma. Il fascino del manto bianco che ricopre la città è sempre unico ed emozionante: in questo periodo poi, caratterizzato da un’oscurità sempre crescente, avere un po’ di neve là fuori aiuta gli occhi a stare più svegli. I problemi ora sono due: l’inevitabile caos nel traffico cittadino e ferroviario (già ieri c’è stata qualche avvisaglia a riguardo) e l’incombente gelo che arriverà il prossimo fine settimana. A Stoccolma è prevista una temperatura tra i -4° e -7°: tempo di tirar fuori dal guardaroba i giubbotti pesanti…

Una domenica d’inverno

Amo Stoccolma ed amo il mio quartiere. Questa città offre tante possibilità in tutte le stagioni, ed è questa la cosa più affascinante: è impossibile che qualcosa diventi monotono, è impossibile annoiarsi. Tutto cambia, tutto si trasforma, ma niente perde la sua identità. E poi, per sentirsi bene, basta veramente poco: una particolare luce che filtra nel bosco, un lago ghiacciato, una fetta di torta ed un caffè in un antichissimo bistrot, la calma pacifica e silenziosa di una domenica mattina. Proprio come oggi.

Inverno cercasi. Ma anche no.

Sino a qualche anno fa non l’avrei mai detto: provo ormai una quasi repulsione per la neve. Mi dà fastidio addirittura vederla in televisione. E dire che da bambino, da provetto meteorologo, facevo le mie personali previsioni del tempo sperando che nevicasse: speranza sempre disattesa viste le latitudini nordafricane di Cagliari.

È tutta colpa degli ultimi due inverni (lunghi, rigidi, monotoni) se quest’anno non ho la benché minima nostalgia del manto bianco e delle amate atmosfere invernali. Fortuna che – per il momento – il clima sta assecondando questa predisposizione. Un clima un po’ strano, a dire il vero, e non solo a Stoccolma. Anche nella regione più settentrionale della Svezia, le temperature sono molto più alte della media e ben diverse da quelle fatte registrare lo stesso giorno di un anno fa: a Kiruna, ad esempio, la colonnina del mercurio si attestò a -23˙. Oggi non è andata più giù dello zero.

A Stoccolma, addirittura, ci sono ancora fiori che fioriscono e lamponi che lamponano. Fenomeno del tutto straordinario, ovviamente. E forse anche un po’ preoccupante. Se continua così, fra qualche tempo potrò coltivare il mirto nel giardino di casa…sperando che gli svedesi non lo scambino per blåbär.

Vajmat, -42°

Ghiaccio

La notte scorsa è stata raggiunta la temperatura più bassa di questo inverno svedese: con la colonnina del mercurio a -42°, è stata la località di Vajmat nel Norbotten a registrare questo particolare record. Poco entusiasti gli abitanti della zona, soprattutto quei 450 rimasti per ore senza energia elettrica.

Secondo l’istituto meteorologico statunitense il freddo sarà di casa da queste parti ancora a lungo (si parla addirittura sino ad aprile), ed anche l’agenzia svedese SMHI non offre rassicurazioni più ottimistiche: per le prossime due-tre settimane sciarpe, cuffie e giubbotti pesanti la faranno da padrone nei marciapiedi svedesi.

Per il disgelo, quindi, ci sarà da attendere a lungo. Ed in parecchi sono già convinti che un altro record potrà essere ben presto battuto: ma di questo se ne parlerà dopo il 17 marzo.