Loading...
X

Sakta vi gå genom stan [Monica Zetterlund]

Tra le canzoni “ambientate” a Stoccolma che io preferisco c’è sicuramente “Sakta vi gå genom stan”, portata al successo da una delle più grandi cantanti jazz della storia musicale svedese: Monica Zetterlund. In realtà la canzone è una cover di “Walkin’ My Baby Back Home”, pezzo del 1930 di cui esistono tantissime interpretazioni, ma la versione svedese racconta un po’ la Stoccolma che fu e che in parte c’è tuttora: una coppia che passeggia in città, i profumi dell’estate, i suoni della notte, i tram su Västerbron…

Le immagini, sicuramente girate prima del così chiamato “giorno D” (il 3 settembre 1967, quando in Svezia la circolazione automobilistica passò dalla sinistra alla destra), mostrano come fosse e come sia cambiata la città in questi ultimi cinquant’anni. Da un certo punto di vista sarebbe interessante poter tornare indietro nel tempo, magari soltanto per un giro in tram, e dare un’occhiata a come si viveva da queste parti.

 

3 observations on “Sakta vi gå genom stan [Monica Zetterlund]
  1. gattosolitario

    Bello questo video, mi era sfuggito! E me li vado a cercare spesso quelli sulla vecchia Stoccolma. Comunque non so se ci sarei vissuto in quei tempi. Ho sempre come la sensazione di un posto grigio e triste se guardo invece a come é oggi la cittá.

     
    Reply
    1. unitalianoastoccolma

      Credo che sarebbe stato un po’ più complicato per noi vivere qui in quei tempi, molto meglio adesso. Però la città, secondo me, era forse un po’ più maleodorante ma più bella e originale.

       
      Reply
  2. Alwx

    Beh, quando prendo la Roslagbanan incontro certi toponi… anche a Frihamnen, mentre mi reco al supermercato ne sbuca spesso fuori qualcuno. I toponi sono un problema di Stoccolma e ce ne sono anche in centro. Oppure li vedo tutti io?

     
    Reply

Rispondi