Loading...
X

A giorni il nuovo Bernadotte

Ci siamo: fra poco la Svezia avrà un nuovo tamagotchi. Pare infatti che i tempi per il lieto evento siano maturi: la futura regina Victoria e il suo personal trainer principe Daniel, in questi ultimi giorni, hanno dovuto rinunciare ad ore ed ore di duro lavoro e di abnegata dedizione alla causa del Regno, per dedicarsi agli ultimi preparativi prenatalizi. Anche l’ospedale Karolinska di Solna, luogo ufficiosamente prescelto per il parto, ha già messo in moto la sua macchina organizzativa rendendo momentaneamente indisponibili numerosi parcheggi in prossimità della struttura. Motivi di sicurezza? Macché. Quei posti saranno riservati alle varie stazioni televisive che trasmetteranno l’evento – o le ore immediatamente successive – in diretta.

Victoria e Daniel

Victoria e Daniel

In tutto questo, però, una cosa buona da dire c’è: questi ultimi nove mesi sono stati abbastanza tranquilli dal punto di vista mediatico. Certo, un po’ di pettegolezzo c’è stato (certi giornali non si smentiscono mai, ma proprio mai!), ma il tutto è stato affrontato con una relativa discrezione. Non me l’aspettavo, a dire il vero.

In ogni caso, ora è il totonome a riempire tante pagine e tante bocche vichinghe: come si chiamerà il futuro nascituro? Ovviamente c’è chi ci scommette su, a suon di soldoni, ma ovviamente non è il mio caso. Io mi limito soltanto a tirare ad indovinare, e in questo caso anch’io mi lascio andare al gossip. Innanzi tutto io credo che nascerà una bimba. Per il nome sono un po’ indeciso, ma dico uno tra Desirée, Kristina e Sibylla. Non escluderei nemmeno Silvia, ma lo vedo un po’ meno probabile. Se nascerà un bimbo, la cerchia comprenderà sicuramente tutti i nomi dei precedenti sovrani, soprattutto della dinastia Bernadotte: forse Karl, forse Gustav, forse Carl Gustaf, forse Carl Johan. Ma, non so perché, io propenderei per Oskar.

Fra qualche giorno avremo la tanto agognata soluzione.

3 observations on “A giorni il nuovo Bernadotte
  1. Morgaine le Fée

    Essendoci appena passata io stessa (in sala parto, non nella tempesta mediatica), spontaneamente mi vien da simpatizzare con Victoria, e chiedermi come affronterá il dolore, il dovere di apparire in forma nonostante lo sfracellamento fisico nei giorni seguenti e i grossi sbalzi ormonali (quando hai appena la forza di startene in pigiama a letto, e ancora ti fa male a camminare). Spero vivamente che la lascino in pace, e che la nuova creatura la lasci dormire.

     
    Reply
  2. Kata

    Simpatizzo con lei anch’io (solidarietà femminile). Speriamo che non le rompano troppo i … (le scatole) dopo il parto.

     
    Reply

Rispondi