Äntligen, Juholt!

Äntligen, finalmente. Håkan Juholt, leader del Partito Socialdemocratico svedese, ha quest’oggi rassegnato le dimissioni dall’incarico. Una scelta obbligata, una decisione saggia benché parecchio tardiva: in appena dieci mesi di operato, esclusa la primissima fase del mandato, Juholt non è riuscito a risollevare le sorti del suo Partito, ormai da qualche anno non più in grado di rispondere efficacemente alle domande dell’elettorato svedese.

Håkan Juholt

Håkan Juholt

Viceversa. Alcuni sondaggi (di cui parlai qui) hanno impietosamente dimostrato quanto sia diminuito il consenso nei confronti di Socialdemokraterna negli ultimi mesi: un risultato storicamente negativo, equiparabile soltanto alla pesante crisi vissuta dal Partito negli anni Settanta.

Colpa del solo Håkan Juholt? Probabilmente no. Ma le varie vicende – soprattutto extraparlamentari – che hanno coinvolto l’ormai ex ordförande hanno giocato un ruolo decisivo e determinante. A dimostrare un sempre maggiore scetticismo non è stata soltanto la base del Partito, ma anche numerose ed importanti personalità al suo interno: per un lungo periodo si è cercato di insabbiare, in modo molto diplomatico (aspetto tipicamente svedese), il crescente discontento. Ma il vaso era ormai colmo: a poco è servito il tour di riparazione fatto da Juholt in tutta la Svezia, a niente l’ultimo disperato tentativo di rassicurazione esauritosi ieri sera.

Il percorso da intraprendere nei prossimi giorni è ancora altamente incerto: è la prima volta in assoluto che il Partito Socialdemocratico svedese si trova ad affrontare le dimissioni del proprio leader. Anche a livello statutario mancano delle precise regole in materia: la soluzione dei vari cavilli, presumibilmente, arriverà alla fine della prossima settimana. L’esigenza di eleggere quanto prima un nuovo leader è estremamente urgente: il terreno perso è stato tanto, il distacco elettorale dai partiti al governo è preoccupante, e la democrazia svedese – come ogni democrazia – ha bisogno di un leader e di un’opposizione competente, realista e di alto livello, di un leader e di una opposizione che possano costituire, almeno sulla carta, una valida alternativa di governo. Elementi che da qualche anno mancano (anche) da queste parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *